lunedì 27 ottobre 2014

Lettura della Settimana #2

E bentrovati al secondo appuntamento con La lettura della settimana, l’unica rubrica del web (seeeh, come no) che vi consiglia ogni 7 giorni roba buona da leggere nemmeno fosse il vostro miglior pusher.
Per questa settimana ho deciso di puntare su un fumetto, che a me è piaciuto molto e che potrebbe piacere soprattutto ai nerdoni in ascolto.
Pronti?


Di Hurdwitz e Kudranski, Pinguino Dolore e Pregiudizio è stata una piccola sorpresa. Non ci avrei scommesso un centesimo, invece l’ho trovata una storia alla pari con alcune di quelle più “blasonate” (per dire: ho preferito di più questa al “celeberrimo” Joker di Azzarello/Bermejo),

Gli autori scavano nel profondo della psiche di Oswald Cobblepot, raccontandoci per filo e per segno dove e quando sono stati piantati i semi che avrebbero fatto germogliare in lui una sete di rivalsa e un’ambizione sfrenata. Cobblepot è un uomo temuto e rispettato, feroce, sadico e malefico, che ottiene sempre quello che vuole. Ma dietro il mostro c’è spazio anche per un barlume d’umanità e di felicità, sebbene Cobblepot sia un uomo irrimediabilmente corrotto dal Male e dal Crimine.


Com’è giusto che sia Batman qui è solo una figura di fondo, che interviene unicamente quando sta per accadere l’irreparabile. La narrazione è incentrata totalmente sul Pinguino, sulla sua bramosia, i suoi sogni, i suoi incubi, i suoi desideri…e il suo Amore.

È stata davvero una bella scoperta, questa novel, che consiglio soprattutto a chi pensa che il Pinguino sia quell’orrido mutante a capo di un circo sgangherato mostrato nel film di Tim Burton*, e non il genio malavitoso criminale che in realtà è nei fumetti.

Se poi in questo periodo state guardando (e vi sta piacendo) Gotham, in cui il futuro Pinguino è uno dei protagonisti assoluti…Beh, questa novel diventa per voi un must read!

E voi invece? Che mi dite?
Che state leggendo di bello in questi giorni?
Qualcosa da consigliare?

--------

*Non fraintendetemi: adoro Batman Returns e adoro Danny De Vito nel ruolo del Pinguino. Ma è un Pinguino completamente "reinventato", un personaggio totalmente "burtoniano", che non ha nulla da spartire con quello originale. 

14 commenti:

  1. Just a question: è una lettura comprensibile anche per chi, come me, ha letto solo The Killing Joke e per il resto Batman lo conosce solo grazie a Burton, glialtriregistichenonvoglionominare, e la meravigliosa serie anni '90 Le avventure di Batman o meglio astenersi? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La puoi leggere assolutamente anche senza sapere nulla di Batman e del Pinguino. Proprio come The Killing Joke. ;)

      Elimina
  2. Del 'batman universe" ho letto solo, ahimè, il ritorno del cavaliere oscuro di Miller e me ne pento. Da un po cerco di rimediare e la prima lettura che mi ero prefissato era The killing joke ma ora anche questa si pone sullo stesso piano. Fumettisticamente parlando.ora sto leggendo fort whelling di pratt. Erano anni che volevo leggerla e ora lo sto facendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora sicuro partono i bestemmioni: Pratt e i suoi albi non li ho mai sopportati. Mi hanno sempre, tremendamente annoiato. XD

      Elimina
  3. Conta che ho quasi finito di leggere il Batman di Miller, che mi sta piacendo molto (mi manca solo il quarto ed ultimo "libro"), quindi direi che per continuare la mia scoperta dei fumetti del Cavaliere Oscuro, potrebbe essere un passo avanti! E sì, da bravo ignorante pensavo che il Pinguino fosse quello zozzo schifoso del film di Burton (che mi è piaciuto parecchio!), quindi vederlo approfondito meglio non sarebbe male. A Lucca quasi quasi vedo se lo trovo a un buon prezzo. In quanto a "darkettonaggine", siamo ai livelli del Batman di Miller, che sto apprezzando molto proprio per come ti sa immergere nel mondo di criminalità e follia che è Gotham City (oltre che nelle debolezze e ossessioni del protagonista)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima settimana sul Viagra per te allora sarà uno stillicidio... :3

      Elimina
    2. Si la novel comunque è molto molto dark. Forse pure "troppo"

      Elimina
  4. è da quando è uscita nelle fumetterie che tengo d'occhio questa novel e mi sa che ora hai dato il "la" al suo acquisto.

    Per quanto riguarda le letture in corso non posso proprio darti consigli o spunti visto che sto leggendo due tue consigli, "fanteria spaziale mobile" finita ieri e "steelheart" iniziato oggi. A proposito, ma se voglio complimentarmi sulle letture che consigli quando riesco poi a leggerle, faccio commenti off topic tipo questo o ci sarà una sezione a parte? (anche se ammetto che così diventerebbe quasi più un forum che un blog). Cmq sia, Steel heart è ancora presto per commentarlo (anche se il prologo e il primo capitolo non sono niente male), mentre per la fanteria...un gioiellino *_* ...un sacco di spunti interessanti e punti di vista "innovativi". Grazie mille per i consigli :)

    RispondiElimina
  5. Adoro il personaggio del Pinguino, il mio villain di Batman preferito insieme a Due Facce e questo fumetto entra di diritto al primo posto nella lista "da recuperare".
    Maledetto buta, anche oggi mi costringi a spendere *alza pugno al cielo *! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio compito è farvi cacciar fuori il danaro :3

      Elimina
  6. Devo ammettere che non mi sono mai interessato più di tanto all'uomo pipistrello e al suo universo, forse perchè non mi piacevano le atmosfere dark/decadenti, o forse per il fatto che il genere supereroistico non mi sia mai andato particolarmente a genio (1).
    Detto questo, una persona ha pur sempre il diritto di cambiare idea, quindi mi sento di dare al pinguino e al fantasma (2) una chance.
    Ringraziando iddio, ieri era giono di paga, indi per cui questa volta non mi lamento dell'obolo versato.

    Per quanto riguarda i cosigli (3), ho da poco finito di leggere due ebucchi: "Cibo" e "Anno XII" del fantomatico Uriel Fanelli. Entrambe letture sci-fi semplici e brevi, mi sono piaciute così tanto che molto probabilmente le rileggerò in futuro. Ma magari son solo io che ho dei gusti strambi. :)


    Evvai, continuiamo imperterriti ad inserire NOTE nei commenti:

    (1) a parte rare eccezzioni.

    (2) bhuahaha... cioè, "il fantasma e l'aquilotto"..ahah... sembra il titolo di una fiaba per bimbi! Ah, 'ste manie di tradurre/inventare titoli nel dopoguerra!
    Vi imploro di scusare le mie scoperte e la mia idiozia da nabbo, vossommità il Buta.

    (3) e così mi son giocato l'asso nella manica. Mi sa che per un po' non avrò altro da cosigliare, tipo un paio di ere geologiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti perdoniamo.
      Le note nei commenti sono sempre un tocco di classe. :D

      Elimina
  7. Ispira questa novel e visto che siamo in aria di Batman ultimamente, la leggerò sicuramente.
    Comunque ho optato alla fine per Guerra e Pace piuttosto che Anna Karenina (mi sono detto se proprio devo leggere un libro di Tolstoj di mille e passa pagine, meglio che leggo il più acclamato dalla critica), comprato oggi e già iniziato a leggere (se no quando finisco) e sembra, a primo impatto, molto bello e scorrevole.

    RispondiElimina